Medicina estetica: tutte le novità per il 2016

Il mondo della medicina estetica pare non conoscere crisi: come rilevato in più occasioni e da diversi studi, l’interesse verso questo ramo della medicina è in continua crescita.

Anche per l’anno appena iniziato è ragionevole pronosticare un aumento delle richieste per procedure estetiche non invasive.

Quali sono le parti del corpo verso le quali maggiormente si concentra l’attenzione di chi si sottopone a un trattamento di medicina estetica?

Secondo i dati presentati all’Ampis, Società di Medicina Estetica Pratica, sono le donne le destinatarie privilegiate delle procedure estetiche. Le italiane, in particolare, sono molto interessate a rimodellare in modo graduale e non troppo invasivo le parti del corpo sempre esposte, e nello specifico il viso.

In generale, la correzione delle asimmetrie del volto è una pratica molto richiesta: tale miglioramento estetico è perseguibile mediante l’utilizzo di sostanza quali il collagene, ad esempio. Tuttavia l’inestetismo che viene meno sopportato è il cedimento della cute che si manifesta in modo piuttosto deciso passati i quarant’anni. Il filler è richiesto però anche e sempre più dalle donne sotto i trent’anni.

Un grande successo è stato riscosso anche dalla rinopalstica medica di cui avevamo già avuto occasione di parlare : grazie a questa tecnica è possibile ottenere una correzione delle asimmetrie del setto nasale mediante l’inoculazione di filler. Il risultato è temporaneo e indicato per chi presenta inestetismi non troppo marcati. L’effetto è temporaneo ma consente di farsi un’idea piuttosto chiara di quale potrebbe essere il risultato di una rinoplastica classica, ovvero chirurgica e quindi definitiva.

Anche la tossina botulinica continua ad essere in cima alle classifiche dei trattamenti estetici più richiesti: viene impiegata soprattutto per la correzione di rughe frontali e perioculari. Solo nel 2015 c’è stato un aumento delle richieste del 14% rispetto all’anno precedente e le stime fanno ben sperare per il 2016.

Come già ricordato, il viso è sicuramente la parte del corpo che colpisce di più in una persona, non fosse altro per il fatto che è sempre esposta agli sguardi. La cura di quest’area è quindi un argomento che sta molto a cuore alle donne (ma non solo): per combattere o per lo meno rallentare l’inevitabile invecchiamento, è possibile ricorrere a trattamenti quali la biorivitalizzazione che cancella sia i segni del tempo che quelli derivanti da uno stile di vita non sempre sano (abuso di alcol e fumo, scarso riposo notturno, esposizione ad aria molto inquinata ma anche predisposizione genetica). Tale trattamento stimola la produzione di acido ialuronico e di collagene.

Proprio i peeling sono tra le novità più interessanti del 2016: da anni presenti e con successo nella medicina estetica, le nuove tendenze li vedono sempre più attivi e con effetti collaterali sempre più contenuti. Si tratta infatti di trattamenti esfolianti atti a rimuovere parte della cute. Tale operazione dona una nuova luminosità all’incarnato e, nel contempo, stimola la produzione di sostanza quali collagene ed elastina, responsabili dell’aspetto giovanile e tonico della pelle. Le sostanze normalmente impiegate sono varie così come il loro grado di “aggressività”. Proprio in base a quanto la loro azione è profonda, si distingue in peeling superficiali, medi e profondi.

Per avere maggiori informazioni circa questi e altri trattamenti, chiama il Poliambulatorio Medica Uno allo 041.5322957 e fissa un appuntamento.