Prevenire l’Invecchiamento Senza Rinunciare all’Abbronzatura

Abbronzatura e Invecchiamento: Rimanere Giovani Anche Sotto al Sole.

Ormai pare proprio essere tempo di entrare nel periodo più caldo dell’anno. Si prospettano lunghi week-end ed intere settimane agostine da passare sui lettini in spiaggia da alternare ad infinite quanto rigeneranti passeggiate in riva al mare.
Ma come non fare qualche pensiero sul binomio abbronzatura e invecchiamento, sulle rughe e sui danni che l’esposizione prolungata al sole può causare al proprio aspetto, soprattutto a quello facciale? Rivolgetevi al chirurgo estetico o al medico estetico, ma imparate ed adottate anche voi qualche trucchetto anti invecchiamento cutaneo per mantenere il vostro corpo il più possibile sano, bello e giovane.

Per sfoggiare un’evidente abbronzatura c’è bisogno ovviamente di una costante esposizione alla luce solare diretta, la quale però pone la pelle a un rischio maggiore di danni causati dai raggi UV che inducono sicuramente un invecchiamento precoce dei tessuti: i raggi solari sono infatti tra i maggiori responsabili delle rughe al volto in quanto sono causa della degenerazione di elastina e collagene (le proteine che conferiscono elasticità alla pelle) e causa della comparsa delle macchie solari, altrettanto brutte da vedere.

Per prevenire i danni e gli svariati inestetismi alla pelle, usate non solo spalmare la crema ad alta protezione, evitate di esporvi al sole nelle ore che stanno intorno a mezzogiorno e prediligete l’ombrellone aperto. Copritevi con un leggero pareo e non disdegnate i cappelli, magari uno di quelli con la tesa larga in grado di fare ombra anche al viso.
Cercate sempre l’ombra, appunto, e se non la trovate, siate sicuri di aver portato con voi un parasole o un vero e proprio ombrellino, una semplice e portatile protezione dai raggi UV, da portarsi appresso anche durante le passeggiate in riva.
La crema solare va benissimo che sia spalmata su tutto il corpo, ma la pelle che sta intorno agli occhi è estremamente delicata, il che significa che necessita di maggiore protezione rispetto al resto del viso, ad esempio.
Non lasciate mai a casa gli occhiali da sole, quindi, specialmente quelli con lenti che proteggono sia dai raggi UVA che da quelli UVB e che aiuteranno a proteggere dai danni solari sia la pelle del contorno occhi che l’occhio stesso, il quale potrebbe essere intaccato da congiuntivite o cheratite. L’intensa luminosità del sole estivo induce inoltre a strizzare gli occhi: ecco quindi la maniera più veloce per aumentare le zampe di gallina e perché si generino rughe sulla fronte.

Ricordiamoci però che rallentare l’invecchiamento e soprattutto proteggere la propria pelle non significa scansare l’abbronzatura o addirittura evitare di uscire al sole, anzi. L’esposizione ai raggi UV ha anche i suoi lati positivi, primo fra tutti il fatto che fa bene all’umore e non da meno che diminuisce il rischio di sviluppare tumori grazie all’aumento che comporta ai livelli di vitamina D presente nell’organismo (eccezion fatta per i tumori della pelle, di cui il melanoma è il rischio peggiore che si corre esponendosi eccessivamente al sole).
Quindi proteggetevi e bevete moltissima acqua non solo mentre vi abbronzate ma tutti i giorni, idratandovi fin dal primo mattino; in questo modo aiuterete anche il vostro metabolismo ad accelerarsi e faciliterete la prevenzione delle scottature; per darvi un’ulteriore spinta anti-age, aggiungete all’acqua anche del limone. La pelle di un corpo ben idratato sembra sempre più giovane e radiosa, sappiatelo.

Vedete agosto come il momento migliore per cominciare a dare alla vostra pelle il giusto trattamento e non smettete di curarla nemmeno quando il gran caldo sarà passato: sarete voi i primi a offrire al vostro corpo un trattamento a cinque stelle.