Ginecomastia: interventi sempre più soft

La ginecomastia è una condizione, sempre più diffusa, che interessa molti uomini. È caratterizzata dalla presenza di mammelle più o meno pronunciate che causano un marcato disagio nell’uomo.

Per comprendere maggiormente l’entità del fenomeno, nel solo 2013 gli interventi per correggere questo difetto sono stati oltre 6000 e le cifre tendono ad aumentare.

Quali sono le cause che portano alla formazione delle mammelle nell’uomo? I fattori sono molteplici ed è anche per questo motivo che si è soliti suddividere questo inestetismo in varie categorie:

  • Ginecomastia puberale
  • Ginecomastia congenita
  • Ginecomastia indotta

La ginecomastia puberale si manifesta a partire dai 12 anni circa e, nella quasi totalità dei casi, scompare in maniera autonoma con il cessare della crescita. È causata da un normale aumento dell’attività ormonale. Il tipo congenito, come il nome suggerisce, è causato da una predisposizione familiare, mentre quella indotta trae origine dall’assunzione di certi tipi di farmaci.

A seconda dell’origine di questa condizione, è possibile classificare tre tipi di manifestazioni:

  • Ginecomastia vera
  • Ginecomastia mista
  • Pseudo ginecomastia

La ginecomastia vera è causata da un eccessivo sviluppo ghiandolare, quella falsa è invece dovuta a un eccesso di tessuto adiposo. La mista rappresenta l’esito dell’interazione delle due precedenti tipologie.

È ovviamente importante capire quale tipo di inestetismo si deve correggere per scegliere il trattamento più adatto.

L’intervento chirurgico è quello che dà i risultati più duraturi: se non si ricreano le condizioni che hanno portato allo svilupparsi iniziale della ginecomastia (ovvero anomala attività ormonale e/o aumento di peso), gli effetti dell’intervento sono pressoché permanenti.

Nei casi in cui si ha solo un accumulo di tessuto adiposo si interviene con la liposuzione che attraverso piccole incisioni di 3 mm rimuove l’adiposità localizzata ed evidenzia la muscolatura del torace. Quando vi è anche un eccesso di tessuto ghiandolare si associa una mammectomia sottocutanea che rimuove l’eccesso di ghiandola attraverso un’impercettibile incisione a semiluna sull’areola.

Anche questo tipo di intervento viene eseguito in regime di day-hospital, con anestesia locale e sempre con la presenza in sala del medico anestesista.

Prendi appuntamento per una visita specialistica presso il Poliambulatorio Medica Uno telefonando allo 041.5322957.