Mini ritocchi e ringiovanimento graduale

L’idea di cancellare dal volto i segni del tempo che passa ed apparire così più giovani è il sogno di moltissime persone. La chirurgia estetica è sempre stata una valida alleata per ottenere tali risultati ma, a quanto pare, nell’ultimo periodo le cose sono un po’ cambiate. Se immutato è rimasto il sogno di lunga (o riguadagnata) giovinezza, l’approccio è oggi molto diverso. Infatti, secondo l’Aicpe (Associazione italiana di chirurgia plastica estetica) i tre quarti degli oltre novecentomila interventi eseguiti nel 2013 non prevedeva il ricorso al bisturi.

La tendenza è quella di agire gradualmente, in modo leggero, combattendo gli inestetismi causati dall’invecchiamento con una tattica che fornisca risultati il più possibile naturali.

Le motivazioni che spingono a optare per un ritocco “soft” sono molteplici: dalle questioni pratiche legate ai tempi di recupero  – notevolmente inferiori per le procedure di medicina estetica – a ragioni di carattere emotivo, dato che sempre più persone sono meno propense a mostrarsi con un volto radicalmente ringiovanito da una settimana all’altra.

Addio chirurgia estetica quindi? Certamente no. Le casistiche sono assai varie e spesso, per apparire più giovani, non ci sono valide ed efficaci alternative. Il medico cui ci si rivolge è l’unico in grado di consigliare la soluzione più adatta, tenendo conto anche delle aspettative del soggetto: c’è infatti chi preferisce un intervento leggero e chi è disposto a cambiamenti più incisivi.

Tra i trattamenti estetici più richiesti primeggiano sempre i filler, soprattutto l’acido ialuronico, e la tossina botulinica. L’ultima tendenza poi è rappresentata dall’idrossidopatite di calcio, un filler che offre diversi vantaggi tra i quali una durata media più lunga.

Liposuzione, aumento del seno e blefaroplastica sono stati i tre interventi più praticati nel 2013. Molto richiesto è anche il lifting microinvasivo che si serve di sottilissimi fili di materiale biocompatibile; tali fili, dotati di microscopici conetti, vengono posizionati nei tessuti del viso tramite una piccola incisione nascosta tra i capelli e messi i trazione. I conetti si ancorano e stendono la cute, risollevando così i tratti del volto che appare subito più giovane. Questo tipo di intervento offre molti vantaggi, tra cui i tempi di recupero davvero esigui, gli effetti immediati e i risultati piuttosto duraturi (alcuni anni).

Le tecniche di medicina e chirurgia estetica oggi praticate sono numerose ed innovative: chiunque, grazie al parere esperto del chirurgo estetico, può quindi trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.