Tossina botulinica: tutto quello che c’è da sapere

Di fronte a piccole rughe e inestetismi causati dal passare del tempo, a molti è venuto in mente di sottoporsi a qualche correzione, magari ricorrendo proprio a iniezioni di botulino.

Regina incontrastata delle procedure estetiche, la tossina botulinica è infatti ormai da diverso tempo il trattamento di medicina estetica più richiesto dagli italiani.

Il motivo è facilmente intuibile: si tratta di una sostanza estremamente versatile, in grado di cancellare piccole imperfezioni in poco tempo: quello richiesto da un’iniezione.

Ma cos’è esattamente la tossina botulinica e come agisce?

Questa sostanza  è un farmaco contenente una tossina prodotta da un particolare batterio.

È pericolosa?

Il fatto che si tratti pur sempre di una tossina potrebbe giustificare una certa preoccupazione, ma va però sottolineato che un suo uso in quantità minime è controllate non è assolutamente pericoloso o nocivo per l’organismo.

Come viene impiegata in medicina estetica?

Come trattamento estetico, questa sostanza viene iniettata sotto la cute con aghi molto sottile che provocano al massimo un leggero fastidio. Lì agisce inibendo la muscolatura e provocandone una riduzione della contrattilità.

Va bene per qualsiasi tipo di rughe?

La tossina botulinica è particolarmente indicata per correggere le cosiddette “zampe di gallina”, ovvero le rughe che si formano attorno agli occhi e anche per i solchi leggeri sulla fronte. Possono esserci degli effetti collaterali?
Come ogni procedura, anche per questo trattamento potrebbero manifestarsi lievi fastidi quali, ad esempio, un leggero gonfiore e/o ecchimosi.

I risultati sono permanenti?

No, gli effetti migliorativi sono visibili per un periodo soggettivo che varia dai 3 ai 6 mesi. Tuttavia il trattamento può essere ripetuto non appena l’effetto della precedente seduta è scomparso.

Se hai altre domande o dubbi, non esitare a contattarci.